Cosa fare contro il raffreddore da fieno?

Cosa fare contro il raffreddore da fieno?

Secondo il Centro Allergie Svizzera (aha!) circa 1,2 milioni di svizzeri soffrono di un all’allergia ai pollini. Già adesso ci sono nell’aria i primi pollini di nocciolo e ontano, il clima molto mite e soleggiato favorisce infatti la loro presenza già in questo periodo dell’anno. Anche se al momento la concentrazione di pollini è ancora moderata, vi mostriamo sin d’ora cosa potete fare contro il raffreddore da fieno.

Questi suggerimenti possono aiutarvi ad alleviare i disturbi:

  • Lavare i capelli prima di coricarsi.
  • Cambiare spesso la biancheria del letto.
  • Non stendere la biancheria all’aperto.
  • Pulire frequentemente la cucina e il tavolo in cucina o in sala da pranzo con un panno umido.
  • Arieggiare solo brevemente, ma correttamente. In caso di lunghi periodi di pioggia potete arieggiare abbondantemente perché l’aria è stata liberata dai pollini, è stata per così dire «dilavata».
  • Per rinfrescare gli ambienti non utilizzare un ventilatore, perché solleva i pollini che sono depositati sul pavimento e li distribuisce in tutto il locale.
  • Falciare regolarmente il prato.
  • Nei giorni ventosi portate occhiali da sole per proteggere gli occhi dai pollini che volano nell’aria.
  • Trovate informazioni dettagliate sui pollini nell’aria in Svizzera su: pollenundallergie.ch. L’università di medicina di Vienna offre inoltre una panoramica dei dati sui voli dei pollini in Europa. Trovate ulteriori informazioni su: polleninfo.org.

Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero 044 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.