Visp – Visperterminen (sentiero didattico sulla vigna)

Visp – Visperterminen (sentiero didattico sulla vigna)

Percorso dell’escursione

Di buona lena in salita, quest’escursione attraversa la valle di Visp. Partendo da Visp porta a Visperterminen passando per Oberstalden. Il percorso consente di visitare il vigneto più alto d’Europa lungo il sentiero didattico dedicato alla vigna, così come il sentiero culturale «Tärbiner Kulturwäg».

Luogo di partenza: Visp – stazione ferroviaria

Punto d’arrivo: Visperterminen, stazione capolinea dei bus – stazione dei bus

Alloggio e ristorazione: diverse possibilità a Visp, Hotel Gebidem a Visperterminen

Solo ristorazione: ristorante Heida a Visperterminen

Difficoltà: bianco-rosso-bianco  

Highlight: sentiero didattico sulla vigna attraverso il vigneto più alto d’Europa, sentiero culturale «Tärbiner Kulturwäg»

  • 00.00 h Visp, 648 m
  • 00.20 h Hubel, 696 m
  • 00.50 h  Bächji, 847 m
  • 01.30 h  Rotgstei, 1039 m
  • 01.45 h  Oberstalden, 1020 m
  • 02.10 h  Chrizji, 1125 m

Descrizione del percorso

Il punto di partenza dell’escursione è la stazione ferroviaria di Visp. Da qui si seguono i cartelli segnaletici che indicano la direzione di Visperterminen. Il percorso si snoda attraverso la città verso sud. Dalla Bahnhofstrasse (via della stazione) si giunge sulla strada cantonale. Dopo averla attraversata si prosegue per la città vecchia fino alla Kaufplatz (piazza del mercato). Ora si comincia a salire dolcemente passando davanti al vecchio palazzo di giustizia, poi alla chiesa Martinskirche e al cimitero. Subito si incontra il cartello segnaletico che indica il sentiero didattico sulla vigna (Reblehrpfad). Qui si svolta a sinistra in direzione di Visperterminen. Dopo il paesino di Hubel e passate le ultime case iniziano i vigneti terrazzati. Alla prossima biforcazione si va a sinistra su un pendio per un breve tratto più ripido, seguendo sempre il sentiero. Da qui inizia il sentiero didattico sulla vigna.

Sui pannelli informativi si possono leggere molte nozioni interessanti sulla tradizione della viticoltura, la cura dei vigneti e le difficoltà che pone in questa zona. Inoltre si impara il significato di parole come Wimdu (vendemmia), Foltru (cura dei piedi di vite), Schniidu (potatura della vigna) o Müüru (riparazione dei danni ai muri a secco). La valle di Visp è tra le regioni svizzere più povere di precipitazioni. Con una pendenza orientata verso sudovest di 40 gradi questo vigneto, chiamato «Riebe», è ben esposto ai raggi del sole ancora fino in autunno e, grazie alla sua favorevole ubicazione nella vallata, risulta protetto dei freddi venti da nord. Con la sua uva si producono alcuni dei migliori vini svizzeri, come l’Heida e il Pinot Noir . Il sentiero escursionistico inizialmente passa proprio attraverso i filari inferiori. Presso la fermata del bus Bächji si attraversa la strada in una grande curva a destra. Sul lato sinistra si prosegue in salita sulla strada asfaltata. Chi lo desidera qui può fare una deviazione e visitare la cantina «St. Jodern Kellerei» con tanto di degustazione di vini, allungando la marcia solo di dieci minuti. Dalla fermata del bus Bächji si prosegue la salita lungo grandi tornanti attraverso le vigne fino a raggiungere il vigneto Oberi Riebe e poi, passando da Graue Egga, si arriva a Rotgstei, ovvero il punto più alto. Dopo aver svoltato a destra dalla strada asfaltata si imbocca uno splendido sentiero di montagna in direzione di Oberstalden (senza passare dal vigneto). Subito ci si ritrova nel cuore della foresta e poco dopo, camminando un po’ in discesa, si attraversa il torrente di montagna Bächji. Sull’altra sponda si continua a salire dolcemente fino al paesino di Oberstalden. Da qui parte un altro sentiero didattico: il sentiero culturale «Tärbiner Kulturwäg». Questo sentiero tematizza in maniera molto vivida la storia, la cultura e la vita degli abitanti della valle. Lungo i muri a secco che orlano un ampio sentiero si attraversa un bosco rado, risalendo verso Chrizji. Tra i rami degli alberi si captano scorci di panorama sulla cima del Cervino e sulla valle di Visp. Dopo aver percorso un viale alberato si passa davanti a una cappella: qui si apre una vista mozzafiato sulla valle e sul bosco. Lungo tutto il sentiero si possono ammirare alcune delle 13 tradizionali «bisse» vallesane ancora in funzione, cioè le condotte che portano sul fondovalle l’acqua per irrigare i campi. Alla fine si giunge nella parte bassa del paese di Visperterminen. Si sale ancora un po’ lungo la via Furuweg e Furustutz e poi ci si trova nel cuore del villaggio. Poco sotto la fermata del bus (stazione capolinea dei bus) ci si può rifocillare o riposare all’Hotel Gebidem (+41 27 948 11 11) o al ristorante Heida (+41 27 946 20 96).